Alessio Isaia vince il WPT Venice

Alessio Isaia entra ufficialmente nella storia del World Poker Tour, e lo fa nel migliore dei modi vincendo la tappa che da soli due anni si svolge a Venezia. Il brand dal nome americano sponsorizzato da PartyPoker si è espanso in Europa e in Asia nel 2008 e ha istituito due tappe nel Mediterraneo, una a Venezia ed una in Tunisia. La prima di esse, nonostante l’ubicazione insolitamente lontana dalle location preferite dai gamblers americani, ha ricevuto una discreta partecipazione registrando complessivamente 528 partecipanti. Ciascuno di essi ha pagato ben 3000 euro di buy in per potersi sedere ai tavoli del casinò di Venezia.

Volendo ripercorrere le tappe che hanno portato il giocatore cuneese al tavolo finale notiamo che “il Fabbro” si era imposto nei piani alti del chip count fin dalle prime battute del torneo durante il day 1. Aveva resistito per tutta la durata del day 2 per poi aggredire oculatamente gli avversari durante il day 3 fino all’arrivo del fatidico tavolo finale a otto giocatori. Nonostante la presenza di altri due connazionali, Roberto Paolini e Luca Fiorini, il giocatore targato Full Tilt si ritrovava ben presto solo contro avversari stranieri, mentre gli altri due italiani concludevano le corse rispettivamente in ottava e sesta posizione (per un premio di 31 mila e 57 mila euro). Per nulla intimorito dagli avversari illustri, tra di loro anche il campione in carica dell’ EPT di Londra David Vamplew (uscito in terza posizione), Alessio perseguiva il suo scopo e resisteva fino all’heads up conclusivo contro Szabolcs Mayer. Prima della partenza della fase finale del torneo, Alessio si presentava in netto svantaggio, con un chip count che registrava 12.800.000 chips avversarie contro appena 2.800.000 del giocatore italiano.

Mai più che in questa occasione la vittoria fu più meritata, il campione cuneese, fortissimo nello scontro testa a testa ribaltava la situazione in un contenzioso durato più di 8 ore. Durante la contesa dal contenuto fortemente tecnico, due mani favorivano Isaia, dapprima uno scontro preflop con una coppia di 6 contro la coppia di 4 avversaria e in seguito la chiamata dell’allin finale avversario con Q6 contro gli AQ dell’italiano. Il campione infine ha ricevuto il trofeo e il premio per il primo classificato di ben 380.000 euro, provato dal lungo head up ma anche contentissimo per il risultato raggiunto, come dirà in seguito al patron di casa Mike Sexton. A Mayer vanno €221,090 come premio per il secondo classificato.

 

Mentre scriviamo, evidentemente non contento dei risultati, Alessio sta giocando l’evento online No Limit Hold’em heads-up da 10.000 $ delle Full Tilt Online Poker Series, in cui sta giocando le semifinali per un premio assicurato di almeno 108.800 dollari (364.800 $ al vincitore e 211.200 $ al secondo classificato).

Qualunque sia l’esito di questa sfida ricordiamo che Alessio Isaia vince in carriera oltre 1 milione e mezzo di dollari di soli tornei. Facciamo il tifo per lui ancora una volta perciò, in questa e in tutte le future imprese che questo giovane campione italiano sarà in grado di fare.

Scrivi commento