Il Poker cinese

Una delle ultime varianti presenti nei casinò d’oltreoceano è il cosiddetto “chinese poker”, il poker cinese. In voga da solo pochi anni, è diventato una passione quando i vari pro ne hanno fatto menzione durante l’edizione 2008 delle World Series of Poker. E’ una variante che è maggiormente giocata nella forma cash game e si presta bene quando il numero di contendenti è limitato.

Funzionamento

Questo gioco sta diventando per gli americani quello che lo scopone scientifico o la briscola rappresenta per gli italiani, ed in effetti ci sono anche alcune similitudini. Come dicevamo il gioco è ottimo per un numero molto limitato di utenti (2 o 4 al massimo) e nonostante sia giocabile da tutti è indubbio che sia un gioco che premia l’esperienza e la caparbietà.

Si gioca con un mazzo di 52 carte, ne vengono distribuite 13 a ciascun giocatore e ciascuno di essi avrà come scopo quello di formare tre gruppi di rispettivamente 5, 5 e 3 carte (due gruppi da cinque carte e un gruppo di tre carte). I gruppi vengono utilizzati in modo a se stante e non possono essere riutilizzati per formare altri gruppi, inoltre i punti realizzabili sono quelli del poker tradizionale (numero massimo di carte permettendo).

Il primo gruppo, quello da tre carte viene chiamato “front”, il secondo gruppo “middle”, il terzo “back”. Lo scopo del gioco è quello di ottenere tre combinazioni valide del valore più alto possibile che abbiamo queste peculiarità:

  • Il front non può essere più basso in valore del middle.

  • Il middle non può essere più basso in valore del back.

Di fatto avremo tre mani in ordine crescente dal front al back.

Quando le mani saranno formate si procede allo showdown e tutti i giocatori confrontano le proprie mani con quelle di tutti gli altri avversari uno alla volta.

Distribuzione dei punteggi

Prima della partenza della sessione si distribuisce un valore monetario ad ogni punto ottenuto. I punti vengono distribuiti secondo il numero di avversari battuti per ogni singola “porzione” di mano. Se un giocatore è vincente sul front ed è perdente su middle e back contro un avversario quest’ultimo otterrà un punto e noi saremo in debito verso di lui di una unità monetaria. In più se un giocatore è vincente su tutte e tre le porzioni di mano contro un avversario viene sommato un bonus di 3 punti per il giocatore, oltre al normale punteggio ottenuto.

Combinazioni speciali

Esistono delle combinazioni speciali che permettono di ottenere un bonus immediato indipendentemente dallo showdown. Queste combinazioni sono 13 carte senza figure (no people), oppure 13 carte tutte a scala senza alcun doppione (una scala completa dal 2 all’asso).

Resa e pegno

Un giocatore che non riesce a creare nessuna combinazione valida può scegliere di arrendersi pagando 3 punti a ciascun avversario, senza dover pagare alcun bonus. Se un giocatore invece sbaglia e presenta una mano non valida paga a tutti gli avversari non arresi ben 6 punti ciascuno.

Vi invitiamo a questo punto a provare il poker cinese che essendo una variante ideale per essere giocata tra amici sarà per certo un ottimo gioco da fare durante l’estate.

Scrivi commento