Le caratteristiche dei network e delle poker room

Uno degli aspetti più importanti del gioco del poker in rete è la valutazione delle reali possibilità di vincita in una piattaforma online. I giocatori professionisti sono soliti valutare diversi aspetti di una poker room o di un network prima di cimentarsi nel proprio gioco, per ciascuno di questi valutano se effettivamente avranno dei margini di guadagno consistenti oppure se sarà una sfida mediamente più ardua rispetto ad altre piattaforme.

I fattori che bisognerebbe di volta in volta verificare sono:

 

  1. Numero di giocatori mediamente presenti a diverse ore del giorno e della notte

  2. Qualità media dei giocatori

  3. Nazionalità dei giocatori

  4. Volume della presenza di regulars

 Numero di giocatori presenti

Il numero di giocatori presenti influenza in larga parte la scelta di una piattaforma rispetto ad un’altra, questo perché i regulars detestano perdere tempo aspettando che la gente si sieda al tavolo. E’ decisamente antieconomico e frustrante, per gente che si guadagna da vivere giocando, aspettare per ore e ore che si riempiano i tavoli da sit n go. Se è vero che bene o male tutte le piattaforme hanno una moltitudine di giocatori disposti a sedersi ai microlimiti, non è altrettanto vero che ci sono sempre altrettanti giocatori abituati a sedersi su tavoli appena poco più impegnativi.

 

Qualità media dei giocatori

La qualità media dei giocatori è uno dei fattori determinanti nella scelta della poker room in cui giocare. Questo non riguarda una singola room ma l’intero network, ossia tutte quelle skin che popolano la rete in questione sfruttando una piattaforma comune ma personalizzando la propria offerta e l’interfaccia autonomamente. Quindi prima di “versare” su una sala online il giocatore coscienzioso verifica a quale network la poker room appartiene, perché se è vero che una bravura medio alta dei giocatori aumenta rende rinomato il brand è altrettanto vero che gli avversari tenderanno a commettere meno errori e a rendere più lento e gravoso il compito di un regular. Tutti i giocatori sono mediamente scarsi ai microlimiti, ma tendenzialmente già appena un po’ più su le room come Pokerstars (nei sit n go), Full Tilt Poker (nel cash game) e le skin del network b2bpoker tendono ad avere fin da subito avversari mediamente più ostici rispetto alle altre sale da gioco online.

Nazionalità dei giocatori

Questo aspetto è direttamente legato al precedente e lo influenza. Si stima ad esempio che il network b2bpoker abbia il 33% di giocatori vincenti nel lungo termine, ciò significa che un giocatore ogni tre sa che cosa sta facendo e probabilmente è abile. Se osserviamo il traffico del network b2bpoker notiamo che in larga parte ospita giocatori del nord Europa che sappiamo essere molto aggressivi e decisamente più preparati del resto della media europea. Inoltre Pokerstars e Full Tilt Poker ospitano un grande numero di statunitensi, paese dove ad esempio la variante Texas Hold Em è nata, quindi mediamente più esperti. Infine non possiamo tralasciare il fatto che le piattaforme italiane ospitano solo giocatori italiani che notoriamente non hanno la stessa esperienza dei colleghi americani o del resto d’Europa.

 Volume della presenza di regulars

Infine dobbiamo porre l’accento sul fatto che se da un lato è vero che la presenza di altri giocatori professionisti incrementa la qualità media del gioco, è anche vero che ancora una volta lo scontro di un regular con altri regulars non sarà altrettanto profittevole come se si giocasse contro dei giocatori occasionali.

 

Perciò la prossima volta che vi capiterà di incontrare un bonus poker che sembra particolarmente vantaggioso economicamente abbiate l’accortezza di ponderare se la scelta, alla luce dei punti sopra citati, sarà effettivamente vantaggiosa per voi oppure no.

Scrivi commento